Primo Piano

PONTIFICIA ACCADEMIA SCIENZE SOCIALI

“Il diffondersi della frammentazione sociale” e l’”incapacità dei sistemi politici di governare la società”: sono “due fenomeni” che “si vanno diffondendo in tanti Paesi e creano situazioni di forte disintegrazione sociale, in cui diventa sempre più difficile realizzare forme di partecipazione sociale ispirate a principi di giustizia, solidarietà e fraternità”. È una delle conclusioni della plenaria della Pontificia Accademia delle scienze sociali (Pass) che ha diffuso un comunicato oggi. Le cause delle tendenze disgregative che operano contro una società più partecipativa – si legge nel comunicato – sono state individuate nella crisi della rappresentanza politica, nelle crescenti disuguaglianze sociali, negli squilibri demografici a livello planetario, le crescenti migrazioni e il numero elevato di rifugiati, il ruolo ambivalente delle tecnologie dell’informazione e comunicazione, nei conflitti religiosi e culturali”.
“Il fattore più significativo che opera contro la partecipazione sociale è la crescente disuguaglianza sociale fra ristrette élites e la massa della popolazione”. Nel documento si legge anche che “Le statistiche sulla distribuzione della ricchezza e delle opportunità di vita indicano degli enormi divari fra Paesi e Paesi e interni ai vari Paesi”. Viene inoltre espressa preoccupazione, in particolare, su lfatto che “in Europa e America la classe media si sia notevolmente indebolita, diversamente da altri paesi come l’India e la Cina dove la classe media si è rafforzata” e “Laddove la classe media subisce dei tracolli, la democrazia partecipativa è messa in pericolo”. La PASS esprime anche un auspicio secondo il quale, nonostante la situazione descritta, sia possiile operare per una migliore ‘società partecipativa’ nel momento in cui si riesca a instaurare una vera cooperazione sussidiaria fra un sistema politico che si renda sensibile alla voce di chi non è rappresentato, una economia civilizzata e forme associative di società civile basate su reti di reciprocità”. Per questo occorre “rendere circolari le forme di partecipazione da top-down a bottom-up valorizzando le realtà intermedie basate sul principio di collegialità”.

Condividi questo contenuto
CORRELATI

FREQUENZE PER ASCOLTARE RADIOPACE

VERONA CITTÀ 92.3
VALLE DEL SECCHIA 89.7
VERONA PROVINCIA, MANTOVA CITTÀ, 90.3
LAGO DI GARDA, REGGIO EMILIA, MODENA, SASSUOLO, CARPI 90.5

VAL D'ADIGE E ROVERETO 92.5
VERONA EST, VALPANTENA, VICENZA 94.7
VAL D'ENZA 97.4
MONTAGNA REGGIANA 91.9

Ti aggiorneremo ogni mese con le nostre iniziative, seguici! ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER